Tag

, , , , , , , , , , , ,

_DSC0136

Da qualche giorno, con Chicco Saponaro, abbiamo iniziato a cogliere per immagini i villaggi rurali interni della bassa murgia, la murgia dei trulli, quella a ridosso delle province di Bari e Brindisi. Cominciamo di qui per avviare la collaborazione di Terra d’Egnazia con la Casa della Paesologia di Trevico per realizzare la Mappa dell’Italia Interna pensata da Franco Arminio.

Anche qui, nella bassa Murgia, vogliamo impegnarci per realizzare una mappa narrativa emozionale, a tratti precaria e provvisoria, di questa parte dell’Italia interna. Insomma, un tour per immagini che è già un racconto. I soli nomi di questi luoghi evocano immagini e scene arcaiche, la traduzione di veri e propri simboli, talvolta ancestrali. 

La prima tappa narrativa è stata Cocolicchio. Passeremo ancora da Lamie di Olimpia, Gabriele, Marinelli, Tumbinno, Serafino, Pistone, Caranna, Tufara, San Marco, Franceschiello, Ianella, Marziolla, Lamie Affascinate, Carbonelli, Scanzossa, Fascianello, Anazzo (Egnazia), Assunta, Amtonelli, Sicarico, Gorgofreddo, Loggia di Pilato, Sei Caselle, Cinque Noci, Pezzolla, Mancini, Serralta, Franceschiello, Pezze Vicine, Pezze di Monsignore, Torre Spaccata e tantissimi altri villaggi micro abitati un tempo, oggi sempre più trasfigurati dalla civiltà che gli ha tolto anche quel poco che avevano.

Di taluni resta lo spettro in cerca della sua anima ormai arresa. Talaltri sempre più irriconoscibili, vinti al cospetto della loro origine, vivono resistendo con un piede nella ruralità, l’altro a tentoni e in comodo ritardo nella modernità in continua accelerazione, in un mix di moderno antiquariato. Fino a quando il padrone del momento non acquisti ruderi e pietre per farne un resort con tanto di campo da golf annesso.

L’Italia interna certo non è solo quella tracciata dal “ministero della coesione territoriale – dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica“, ma quella che la civiltà ha pensato malamente di farne a meno, relegandola progressivamente nell’oblio della sua identità. Troppo distante dai ritmi, dai tempi, dai nomi e dalle forme, certe, assolute, conformi e conformanti, globali e globalizzanti della civiltà.

Giuseppe Vinci

Annunci